E’ stato approvato, tramite decreto dell’Assessore all’economia della Regione Sicilia del 30 settembre 2021, un nuovo sostegno alle imprese colpite dall’emergenza Covid che hanno avviato l’attività negli anni 2019 e 2020.
L’agevolazione consiste in una forma di finanziamento a tasso zero, di importo massimo complessivo di 25.000 €, in cui non è richiesta alcuna garanzia. A gestire la misura sarà l’IRFIS spa, tramite procedura a sportello. L’ammontare delle risorse stanziate è pari a 5 milioni di euro.

Di seguito si sintetizzano i criteri di ammissione per accedere all’agevolazione, che devono essere rispettati al momento della presentazione dell’istanza:
– Sono regolarmente costituite e iscritte, come aziende attive, alla CCIAA competente;
– Hanno avviato l’attività nel periodo compreso tra l’01/01/2019 e 31/12/2020;
– Hanno sede legale o operativa nel territorio della Regione Siciliana;
– Che abbiano realizzato un fatturato annuo, sia nel 2019 che nel 2020, non superiore a 250 mila euro;
– Hanno sospeso l’attività economica a causa dell’emergenza Covid-19 (come d’allegato ‘Tabella Codice ateco ammissibili’).

Sono ammesse anche le imprese che svolgono attività alberghiere e simili (Cod. ateco 55.10.) che non hanno esercitato l’attività economica nel periodo tra il 12/03/2020 ed il 13/05/2020 e/o nel periodo tra il 26/10/2020 ed il 31/12/2020.

Sono esclusi i soggetti che hanno avviato l’attività, oppure stabiliscono la sede legale o operativa in Sicilia, successivamente al 31/12/2020.

Le caratteristiche dell’agevolazione, come abbiamo detto, prevedono un finanziamento agevolato che può arrivare massimo a 25.000 €, ed un importo minimo di 10.000 €. La durata massima è di 48 mesi, di cui 24 di preammortamento, in cui non vengono sostenute le quote interessi in considerazione del fatto che l’intero finanziamento è a tasso zero. Altri due fattori agevolativi riguardano la mancanza di richieste di garanzie sul finanziamento e ai fini dell’istruttoria non viene effettuata alcuna valutazione sul merito creditizio.

La procedura prevede la compilazione e l’invio dell’istanza a partire da giorno 12 Ottobre 2021 dalle ore 10:00, fino a giorno 11 Novembre 2021 alle ore 17:00, mediante lo sportello informatico gestito dall’IRFIS, a cui si può fare accesso con SPID e con Firma digitale.

Gli unici criteri di selezione riguardano la data di inizio attività risultante dal Registro delle Imprese, infatti le domande saranno collocate nella graduatoria provvisoria dalla data di inizio attività più antica; in caso di più istanze collocate in parità, sarà data priorità a quella del richiedente che ha realizzato il minor fatturato nel 2020. Di conseguenza non avrà alcuna importanza l’ordine cronologico di presentazione. Subito dopo la pubblicazione della graduatoria provvisoria, dovranno essere caricati, sempre sul portale, tutte le attestazioni, il DURC e l’asseverazione da parte di un revisore legale su dati del 2019 e del 2020.

 

 

Tabella Codici Ateco ammissibili